martedì, ottobre 10, 2006

Quanto è Manipolato il Mercato?

Il Dow Jones e molti altri indici hanno toccato nuovi massimi nella settimana appena passata. Questo presupporrebbe un'economia che marcia bene, con dati macroeconomici positivi.

Ma la realtà è diversa. L'immobiliare americano si sta sgonfiando ed è probabile che si porterà dietro un notevole calo dei consumi. A catena, i profitti societari, attualmente ai massimi storici, non potranno continuare a restare a questi livelli, meno che mai salire ai ritmi visti negli scorsi mesi.

Il Prof. John Succo, in un articolo, segnala che in 25 anni di trading non ha mai visto movimenti di questo tipo, in cui le azioni reagiscono verso l'alto ad ogni notizia negativa.

Tradizionalmente, le notizie negative portano a dei cali del mercato azionario. E non si muovono verso l'alto solo a livello aggregato, ma a livello di singoli titoli.

Negli ultimi tempi, il mercato azionario vede un “uptick” di + 1500. Per chi non ha familiarità con gli upticks/downticks, si tratta del numero di azioni positive meno il numero di azioni negative.

Il Prof. Succo conclude che una parte dell'establishment finanziario (banche centrali e grandi broker ) stia sostenendo pesantemente le azioni. In fondo, noi sappiamo ad esempio che in passato la Bank of Japan operò fortemente sul mercato azionario giapponese con l'obiettivo di sostenere il Nikkei durante i cali degli anni '90.

In questo caso, secondo Succo, sarebbero le banche centrali straniere che stanno compando gli indici americani (ed europei aggiungiamo noi).

Naturalmente questa è una conclusione personale del Prof. Succo che non necessariamente deve essere condivisa.

Comunque, storicamente un “uptick” di 1000 segnala un tipico “panic buy”, che generalmente anticipa un forte “sell off” dei mercati. 1500 è un valore enormemente superiore rispetto al livello di panic buy.

Se il mercato è manipolato o meno è sicuramente importante, ma l'aspetto che più di tutti è interessante è che esso è sicuramente molto “tirato” in questo periodo ed è molto rischioso essere pesantemente investiti.

1 Comments:

Blogger DANZ said...

Sono contento che abbiate pubblicato questo Blog, di questi tempi ce ne bisogno, pertanto saluto tutti i partecipanti.
A parte i ringraziamenti, penso proprio che in questo momento il mercato sia altamente pericoloso e ingannevole, infatti io personalmente rimango alla finestra e aspetto di vedere cosa succede. C'è troppo ottimismo nell'aria, specialmente quando non dovrebbe affatto esserci...anzi, tipico di quello che è successo nella bolla new-economy. Io invito tutti a riflettere singolarmente ad osservare e analizzare tutte le realtà economiche-finanziarie che vi circondano (amici, parenti, conoscenti), per rendervi conto di come l'indebitamento sia diffuso e sopratutto di come non vi sia un approccio consapevole di quello che si sta facendo (sopravvalutazione del valore delle case, mutui, prestiti e fidi per ferie ed altre cose non di prima necessità, stili di vita al di sopra delle proprie possibilità, mentalità del risparmio inesistente, ecc...). Stiamo forse vivendo gli ultimi giorni di un'immensa illusione??

11:42 AM  

Posta un commento

<< Home